lunedì 13 ottobre 2014

Sperimentazione nuove cure

SEI MESI SONO PASSATI. SPERIAMO DI CONOSCERE PRESTO I RISULTATI
 


Allergologia, crescono reazioni da farmaci e alimenti, all'ospedale dell'Aquila nuove cure per nichel

 L’ospedale di L’Aquila apre la strada, in Italia, a nuove cure per le allergie da nichel, il metallo utilizzato (soprattutto dai giovani: 30% tra 16 e 25 anni) per piercing e orecchini.

Una ricerca sulla desensibilizzazione orale del metallo, condotta su 80 soggetti dal servizio di Allergologia del S. Salvatore, diretto dal dr. 
Carlo Di Stanislao si è dimostrata efficace in 55 pazienti (con problemi di dermatite diffusa, disturbi intestinali e cefalea), ha prodotto miglioramenti in 15 e solo 10 casi non si è rivelata incisiva.

Allergologia, 12.000 osservazioni in 15 anni consecutivi, consolida così un posto di primissimo piano a livello nazionale, tenendo conto che è tra le poche strutture in Italia ad effettuare uno specifico test (mucosal patch-test) su questo tipo di allergia da nichel.

Nel prossimo giugno, tra l’altro, si tireranno le somme anche su un'altra sperimentazione (della durata di 6 mesi) in cui viene utilizzata la ‘Perilla frutescens’, pianta della tradizione fitoterapica cinese e giapponese che contiene sostanze che prevengono le allergie da nichel.

Fonte: 
http://www.abruzzo24ore.tv/news/Allergologia-crescono-reazioni-da-farmaci-e-alimenti-all-ospedale-dell-Aquila-nuove-cure-per-nichel/136617.htm


 


Nessun commento:

Posta un commento