lunedì 19 gennaio 2015

Non solo cibo..

 


Quando pensiamo al nickel, automaticamente pensiamo alle numerose rinunce alimentari alle quali siamo costretti, ma per molti di noi esistono ulteriori problemi legati a questa allergia, gli indumenti!

I tessuti sono un altro grande problema, i colori usati per tingerli, le cuciture  fatte con il nylon (spesso di bassissima qualità), le calze e via via fino alle scarpe.

Addio dunque a jeans, a biancheria intima colorata, a lenzuola variopinte..

Io personalmente, non posso più indossare nulla che non sia bianco e cucito con filo di cotone e quando non ho alternative, il prurito non mi da tregua al punto di ricorrere all'antistaminico.

D'estate si riesce a gestire un po' la situazione, ma le altre stagioni?

Trovare capi d'abbigliamento bianco in inverno è praticamente impossibile!

Resta poi il dilemma delle cuciture, quasi tutte le aziende produttrici hanno adottato il nylon per risparmiare, non necessariamente perché sia più economico, ma essendo un colore neutro non cambiano più la bobina e ottengono sicuramente un ritorno economico!

Se non ci fosse da piangere, ci sarebbe da ridere..
 quando ti trovi di fronte la commessa di turno che in risposta alle tue richieste, ti guarda come se avesse incontrato un alieno, affrettandosi a dichiarare "solennemente" che quello che cerchi non è di moda, quindi rassegnati, perché non troverai in nessun negozio quello che cerchi.

Oggi mi sento perfida e vorrei augurare a quelle persone che ti guardano dall'alto in basso con sufficienza, non avendo un minimo di sensibilità su un problema che riguarda milioni di persone.... di provare l'esperienza "esilarante" dell'allergia al nickel e sentire sulla propria pelle l'indisponente e  irritante reazione altrui.

Intanto, temo che mi toccherà fare un corso di taglio e cucito e confezionare da me quello di cui ho bisogno!

7 commenti:

  1. Marina , non so che fine ha fatto il mio post solidale..che ho scritto poco fa ....non lo ripeto ma ti mando un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Ciao Claudia, non so cosa sia successo, io non ho ricevuto il tuo commento.
    Se hai voglia di provare nuovamente, mi farebbe piacere leggerlo.
    Grazie

    RispondiElimina
  3. Ciao Cara, e complimenti per il tuo blog :)
    So purtroppo cosa significa riscontrare tutte queste difficoltà nell'acquisto di prodotti sui quali c'è ancora tanta ignoranza..per fortuna esistono i social, i blog, ma soprattutto internet che ci aiuta nella diffusione di notizie "positive" e fondate, con la speranza di aiutarci tutte tra di noi e sentirci meno "aliene" a causa di quest'allergia ^_^
    A tal proposito ho inaugurato il mio blog dove parlo di cosmesi e prodotti per la cura della persona rigorosamente NICHEL TESTED--> http://adifferentvanity.blogspot.it/
    l'ho appena creato e spero tanto vi piaccia e possa esservi d'aiuto. Se avete piacere nel tenervi aggiornate sulle mie prossime recensioni non esitate a seguirmi!^_^ Un saluto a prova di nichel, admin "A different Vanity" +++

    http://adifferentvanity.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Ho appena visionato il tuo blog Charlotte e voglio essere la prima a congratularmi.
    Bello e molto interessante, gestito da una persona esperta in materia.
    Condividerò sul mio blog i tuoi prossimi articoli, citando la fonte autorevole di chi l'ha creato. Una futura collaborazione potrebbe essere di particolare interesse ;-)
    A presto!

    RispondiElimina
  5. anche io ho problemi con jeans e le cuciture, tutte. Ma pensi che per quuanto riguarda le cuciture il problema sia il nylon o il fatto che contengano nichel? sono disperata. Ho fatto il test al nichel e sono allergica.

    RispondiElimina
  6. Credo sia così Maddalena, credo che il nylon contenga Nichel, altrimenti non saprei come spiegarmelo..
    Coraggio però, non abbatterti e cerchiamo, insieme, di trovare soluzioni per vivere al meglio aiutandoci con l'esperienza di ognuno di noi, anche se spesso a questa allergia, rispondiamo in modo diverso.

    RispondiElimina